Come creare una Squeeze Page di Successo: la guida per Top Personal Trainer

È da molto che non ci sentiamo, e per questo ho deciso di preparare una mega guida step by step in cui ti mostro come creare una squeeze page di successo (come questa di Umberto Miletto che conoscerai a breve) anche se non hai esperienze in merito di webdesign e non sei un tecnico.

Intanto, però, avere le nozioni giuste potrà aiutarti molto qualora affidassi il compito a uno sviluppatore.

Sono molto dispiaciuto per l’assenza, ma sono stato sommerso dal lavoro. Giuro che con questo straordinario post mi farò perdonare.

L’articolo è talmente HOT che interesserà anche altri tuoi colleghi PT, Titolari di Palestre e/o Consulenti Fitness. La temperatura si sta alzando, avverti il calore? 😀

Procediamo per gradi (restando in tema di temperatura) e vediamo quali sono gli obiettivi di una squeeze page performante.

Sì ok Amerigo, ma che diamine è questa pagina? Un attimo e ci arriviamo.

Cos’è una Squeeze Page?

funnel-marketing-lead-generationLa squeeze page alias “Pagina Spremi Contatti” è la punta di diamante del tuo sito, perché è lì dove avviene il primo processo di conversione del tuo “imbuto di vendita”.

Il visitatore che atterra su questa pagina (e non su una generica homepage) da una pubblicità sponsorizzata su facebook ad es. ha solo 2 possibilità:  iscriversi alla tua newsletter o andare via.

Nient’altro. Nessuna distrazione. O dentro o fuori.

E noi ovviamente vogliamo che le persone si iscrivano alla nostra lista per instaurare un rapporto con loro e fidelizzarle col tempo, giusto?

APPROFONDIMENTO: 14 Consigli Pratici per Aumentare gli Iscritti alla Tua Newsletter

Va da sé che affinché le persone siano incentivate a lasciare la loro preziosa email, dovrai pur regalare qualcosa o no? Ed ecco che entra in gioco il nostro bonus gratuito alias Lead Magnet.

Cos’è un Lead Magnet e perché crearlo?

cos'è-un-lead-magnetIl Lead Magnet non è altro che la risorsa gratuita, oggetto del desiderio di qualsiasi potenziale contatto. Viene chiamato così perché appunto, come un magnete, deve calamitare l’attenzione e suscitare un’irrefrenabile voglia di possederlo.

Ha 4 caratteristiche fondamentali e cioè:

checkattirare l’ATTENZIONE

checkrisolvere un PROBLEMA

checkoffrire una SOLUZIONE

checkgenerare un RAPPORTO

Potresti pensare di regalare un e-book in formato pdf così come un video-training o un caso di studio interessante relativo a un tuo cliente.

RICAPITOLANDO: Il vero e unico obiettivo della SQUEEZE PAGE è catturare la curiosità dell’utente circa il beneficio offerto dal tuo “Lead Magnet”. Risolvere un problema specifico con una soluzione di VALORE in cambio della sua preziosa email. Hai solo una chance e non devi ASSOLUTAMENTE rischiare di perderla.

I 6 Elementi Chiave per una Squeeze Page di Successo: Caso di Studio “Umberto Miletto”

squeeze-page-miletto-case-study-min

Prima di continuare ti invito a cliccare sull’immagine sopra e capire i vari elementi che compongono la pagina in ordine sequenziale.

A partire dal titolo, sottotitolo, video o immagine del prodotto, bullet point, Call to Action e Post Scriptum ogni elemento deve essere posizionato strategicamente e deve concorrere all’effetto domino il cui obiettivo finale è la conversione, ovvero l’indirizzo email del potenziale cliente.

Dopo ti darò anche una chicca da implementare nella tua pagina “spremi contatti”, prima però voglio fare una premessa. Questa squeeze ha un tasso di conversione di quasi il 40%, ciò vuol dire che ogni 10 persone 4 si iscrivono alla sua lista.

In maniera completamente naturale, cioè senza azioni di Retargeting su Facebook ovvero quella pratica con cui un utente che visita la tua pagina e non si iscrive, viene bombardato (come se non ci fosse un domani) con la pubblicità sponsorizzata al fine di invogliarlo a lasciarti i suoi dati.

Quando ti parlo di marketing non convenzionale, è anche a questo che mi riferisco. I Modelli “Copia e Incolla” li lasciamo agli altri. Io e Umbe siamo allineati con questa filosofia e andiamo per la nostra strada. Bombardare le persone, elemosinando email, non è nel nostro modo di fare. Piuttosto…

Ti mostrerò a breve anche uno screenshot che appuri la validità dei numeri di cui parlo. Questo per dirti che se avessimo utilizzato espedienti invasivi al limite dello spam (considerazione personale) avremmo potuto ottenere percentuali del 60 o 70, ma tant’è.

Considera che in media i tassi di conversione si aggirano dal 20 al 30%. Tutto poi dipende dalla nicchia, dal target di riferimento e da altri fattori come autorevolezza del brand, posizionamento sul mercato, e non ultimi il design, il copy, e l’usabilità della pagina stessa.

E poi ancora le 3 guide in passato sono state già scaricate da circa 50.000 persone, quindi c’è anche una saturazione di numeri. Dato da non sottovalutare, per nulla.

01. Il Titolo

È l’elemento più importante perché determina il successo o meno della pagina. È grazie a esso che l’utente sceglie di continuare a saperne di più oppure andarsene. Per cui impegnati a creare un titolo accattivante. Di solito è posizionato con un allineamento del testo centrato e il carattere del font è di dimensioni grandi.

Nel caso di Umberto, data la sua notorietà, abbiamo optato per un titolo semplice ma diretto: “↓ SCARICA LE MIE GUIDA ORA ↓” anche perché c’è una video comunicazione coi fiocchi a rafforzarne il messaggio e coinvolgere attivamente l’utente.

L’Headline quindi è il ponte di connessione tra il beneficio finale ricercato dall’utente (la tua promessa) e la soluzione che offri con la risorsa gratuita.

Esempio 1. “Rivelato Il Sistema Per Eliminare Il Grasso In Modo Completamente Naturale!”

Esempio 2. “Ecco Come Un 24enne Ultra Obeso Ha Perso 40 kg In Soli 4 Mesi… E Come Puoi Anche Tu!”

Esempio 3. “Che cosa faresti se d’un tratto realizzassi che tutto ciò che pensavi di sapere sulla Dieta a Zona era una Bugia?”

02. Sottotitolo

Il sottotitolo è un elemento opzionale che puoi comunque utilizzare per rafforzare il messaggio del beneficio esposto dal titolo. Solitamente si utilizza quando c’è un’unica soluzione espressa dal tuo lead magnet, ma come sempre sentiti libero di sperimentare e testare.

Se puoi, cerca di lanciare una sfida. Così facendo aumenterai l’attenzione e il coinvolgimento in chi legge. Come nel nostro caso di studio: “Sai che puoi trasformare il tuo corpo allenandoti ovunque? Scaricando le mie 3 GUIDE Gratuite scoprirai come migliaia di persone ci sono riuscite!”.

Ovviamente non inventare dati a caso. Parla con cognizione di causa e mantieni le promesse. Tutto qua.

03. Video e/o Immagine del Prodotto

video-comunicazione-umberto-miletto

Sapevi che i video aumentano del 70% il coinvolgimento da parte degli utenti creando più empatia? Questo perché fanno leva sui vari canali sensoriali come quello visivo, uditivo e cinestesico alias emozionale.

Quindi piuttosto che inserire solo l’immagine della guida, adoperati per realizzare un mini spot di 2 minuti al massimo, dove elenchi i benefici e stuzzichi le persone a saperne di più.

Ti basta un semplice smartphone e un bastone per i selfie. Ti sembra male la qualità? Non credo. Vai alla Squeeze di Umberto. Dopo però ritorna che siamo quasi agli sgoccioli.

04. Bullet Point

bullet-point-squeeze-page

Inserire una lista di benefici (come questa che vedi qui sopra) all’interno della tua squeeze è un’ottima cosa. Numerosi test hanno rivelato che il loro utilizzo aumenta il tasso di conversione poiché sono veloci da leggere per l’occhio umano e amplificano la percezione dei benefici offerti.

Ribadisco che non esistono leggi inconfutabili nel marketing quando si tratta di misurare delle metriche, e tutto va testato. Sappi, però, che la tua pagina risulterà molto più efficace.

Consiglio di utilizzare anche parole persuasive che instillino curiosità come scopri, semplice, rivelato, definitivo, facile, inedito, straordinario e inducano il lettore in uno stato di trance ipnotica.

Hai presente l’arte di sedurre? Bene, quello dovrà essere il modello da utilizzare.

05. Call to Action

Dopo aver attirato l’attenzione con il titolo amplificata dal sottotitolo, suscitato interesse con il video e creato desiderio con i benefici, è arrivato il momento di dire all’utente di compiere l’azione.

Come hai potuto notare, non c’è un form con i campi da compilare tipo “nome” e “indirizzo email”, ma solo un bel pulsante verde.

Questo perché le persone sul web sono sempre più pigre. Quindi rassicurarle sul fatto di essere a metà dell’opera nel momento in cui cliccano e si ritrovano il popup con una “barra di avanzamento”, aumenta di gran lunga le percentuali di conversione.

double-optin-squeeze-page

Affinché una Call to Action sia efficace utilizza un testo imperativo e dinamico che faccia leva su un desiderio specifico circa la promessa del tuo messaggio, es. “ACCEDI GRATIS ALLE 3 GUIDE”.

C’è ancora un altro motivo, di cui ti ho accennato prima riguardo la chicca, per cui ho utilizzato questa tecnica. Parlo della possibilità di ri-catturare l’attenzione dell’utente qualora (volontariamente o erroneamente) col cursore del mouse provasse ad uscire dalla finestra del browser.

Se prima hai cliccato sulla squeeze di Umberto per vederla realmente, te ne sarai accorto.

Si chiama “Exit-intent Strategy” e consiste nel far comparire il popup con il form di iscrizione anche se l’utente non ha cliccato sul pulsante verde. Fantastico, in termini di conversione.

Magari ti starai chiedendo: “Ok Amerigo, tutto molto bello e tutto fila liscio, ma…che diavoleria c’è dietro a tutto questo?”

Ti rispondo subito con 2 parole:

logo-optimize-press

Il Software N°1 per la Creazione di Squeeze e Landing Page professionali.

Può essere utilizzato come plugin o tema del tuo sito in wordpress, e offre una serie di funzionalità avanzate per chi vuole rendere la propria presenza on line un vero business di successo.

Per la sua flessibilità nell’interfaccia e nella gestione, è adatto anche a persone con zero competenze. Se hai dubbi e vuoi chiedermi un consiglio o un aiuto, sono a tua disposizione.

Dimenticavo di dirti (qualora ce ne fosse bisogno) che sono 1 uno dei 2 italiani che rivende le proprie creazioni (template) sul marketplace mondiale di Optimize Press.

Qualcosina l’ho imparata 🙂

Non perdiamoci in chiacchiere, e rimaniamo sul pezzo. Siamo allo Sprint Finale!

06. Post Scriptum

Il Post Scriptum, secondo molti studi, è il secondo elemento letto (dopo il titolo) dagli utenti quando scorrono una qualsiasi comunicazione. Grazie a esso, possiamo agire sulla Scarsità, una delle più potenti leve persuasive per indurre gli utenti a prendere una decisione oggi e non domani. Del tipo “prima che sia troppo tardi…”

RICORDA: quando c’è meno disponibilità riguardo un prodotto, allora il desiderio di ottenerlo aumenta incredibilmente.

Nel caso di Umberto ho incentrato la comunicazione agendo sul fattore TEMPO e limitando gli ACCESSI:

“Queste Guide Gratis sono solo per i primi 50 iscritti. Non credo di lasciarle on line ancora per molto. Leggerai informazioni fondamentali su come allenarti a corpo libero in modo sano e salutare. Se vuoi davvero ricevere le 3 Guide, affrettati. Domani potresti non trovarle. Buona lettura e buon workout.”

Sentiti libero di utilizzare tutte queste tecniche, ricalcando un modello collaudato e performante. Trova, però, sempre la tua unicità e differenziati dagli altri. Sperimenta e testa.

Riprova Sociale

Le testimonianze dei tuoi clienti sono il miglior biglietto da visita e vanno messe in evidenza sulla tua squeeze. Soprattutto se sei agli esordi, ti consiglio vivamente di inserirle.

Non usare testimonianze inventate perché chi legge, non è così ingenuo come credi.

Per dare maggiore autorevolezza, sotto ad ogni testimonianza metti la foto, il nome, il cognome e un recapito al sito o al profilo Facebook. Fai anche in modo di rendere queste recensioni dei veri e propri casi di successo.

Utilizza la tecnica del “mini-dramma”.

Questo espediente consiste nel far evidenziare i problemi iniziali derivanti dal non utilizzo del tuo servizio e come, grazie a quest’ultimo, la persona in questione sia riuscita a risolverli.

Ti faccio un esempio pratico. Questa la testimonianza con-vincente di una tua potenziale cliente:

“Sono arrivata a pesare quasi 100 chili e non sapevo più che fare. Stavo male e non riuscivo più a guardarmi allo specchio. Ho conosciuto Samuel tramite amici, e posso dire di essere quasi rinata. In soli 5 mesi ho perso oltre il 13% di massa grassa. Fantastico!”.

I numeri poi, sono un ottimo acceleratore nel processo di persuasione e convincimento. Utilizzali quando puoi, la tua attività ne guadagnerà molto in termini di credibilità e reputazione on line.

Spero di averti fornito le idee giuste su come utilizzare le persone in qualità di ambasciatori del tuo brand.

La Prova del 9

tasso-di-conversione-squeeze

Questo lo screenshot relativo all’imbuto di marketing o anche “funnel” come viene definito nel linguaggio tecnico, il cui obiettivo è la Lead Generation ovvero l’acquisizione di nuovi contatti.

In parole povere consiste nel calcolare quante persone atterrano sulla tua Squeeze Page per poi arrivare nella Thank You Page ovvero la pagina di ringraziamento.

Quindi, se effettuano il percorso in 2 step che noi desideriamo che compiano, l’obiettivo può dirsi raggiunto. Tutto qua.

Tasso di Conversione (37,5%) = 30 (numero di Iscritti) / 80 (numero di Visitatori)

Se vuoi un consiglio, utilizza questo tool ovvero Hotjar, perché ti semplificherà davvero la vita. Comincia dalla versione Basic per poi fare l’upgrade. È semplice da configurare e ha un supporto fantastico.

Conclusione

Termina qui questo articolo su come creare una squeeze page di successo. Spero ti sia reso conto della sua fondamentale importanza nella pianificazione di una strategia on line, il cui primo obiettivo è generare nuovi lead ovvero contatti.

Se hai dubbi a riguardo, non esitare a scrivermi qui sotto. Sarò ben lieto di risponderti e aiutarti, così come faccio con gli oltre 200 Professionisti del Benessere che da tutta Italia seguono i miei consigli e li mettono in pratica.

Sì ma senza mettermi sul piedistallo. Chi mi conosce, lo sa. In maniera completamente “Easy & Friendly” 😉.

Tag: , ,

Condividi questo post con il mondo!

L'autore: Amerigo

Fondatore di Top Personal Trainer, il blog interamente dedicato al marketing on line per Personal Trainer, Consulenti Fitness e Titolari di palestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

© Copyright 2015-2018 | Top Personal Trainer by Amerigo Casadei | P. IVA: 07406061213 | Tutti i diritti riservati

Share This

Ti è piaciuto ed è stato utile questo articolo?

Condividilo sul tuo social preferito! Farai contento qualche tuo collega e anche me, perché vorrà dire che lo merito per le informazioni di valore profuse ;-) Enjoy!

Leggi articolo precedente:
Questo non è un articolo. È molto di più. È il mio più sincero Grazie per Te. Buon 2016

Esattamente 6 mesi sono trascorsi da quando ho lanciato ufficialmente on line Top Personal Trainer. Tirando le somme, non posso...

Chiudi